CERCA NEL BLOG

martedì 13 giugno 2006

Fiori minimal


Ho deciso che come flower designer sono troppo old fashioned (oggi l'inglese va forte) e quindi sto studiando nuovi modelli minimal/fusion/optical. Questo cesto quadrato con rose in gradazione di colore lo sperimenterò domenica al matrimonio di Ciompi detto Ciò Ciò (che ovviamente ha un altro nome ormai caduto in disuso), grande amico di mio figlio piccolo. Speriamo che le mie rose non abbiano nel frattempo subito un qualche coccolone dovuto ai soliti eventi meteorologici avversi (vento-pioggia-grandine-siccità) che si alternano più o meno regolarmente dalle nostre parti e che i miei rangers mi annunciano con tono lugubre non appena scendo dalla macchina arrivando da Roma. Che ansia!
Questo modello comporta l'oneroso acquisto di un vaso di vetro quadrato, di cubetti di vetro portacandeline e di pietre trasparenti da disporre artisticamente sulla tovaglia (queste sono prove fatte in cucina). Speriamo che il tutto non sparisca dopo il ricevimento altrimenti la remissione economica sarebbe totale!
Questa è la versione rose rosse - specchio - candelotti bianchi, insomma sono possibili molte variazioni sul tema, farò altre prove presto.

lunedì 12 giugno 2006

Crema di porri e piselli

Dovendo improvvisare una cenetta last minute, ecco cosa ho trovato in frigorifero:
- porri del mio orto un po' trapassati (dentro avevano una specie di tronco durissimo perchè evidentemente stavano per fiorire!)
- piselli freschi di un altro orto marchigiano pazientemente sgusciati dal mio consorte (lui teme molto la morte per inedia, perchè da anni sostiene che io non tocco pentola, così ogni tanto lavora per assicurarsi la sopravvivenza!).
Il risultato è stata questa crema, che si è rivelata più buona del previsto.

6 porri
1 chilo di piselli sgusciati
erbette varie: prezzemolo, erba cipollina, timo, foglia di alloro
2 cucchiai di curry
brodo
crema di latte fresca 250gr.
burro 50 gr.
Per guarnire: asparagi

Soffriggere nel burro i porri puliti e tagliati a pezzi, i piselli e le erbe. Aggiungere un paio di cucchiai di farina, cuocere ancora 5 minuti mescolando, coprire di brodo (anche di dado) e far bollire finchè le verdure sono tenere. Frullare col frullatore a immersione e aggiungere 2 cucchiai di curry.
Servire con parmigiano, dadi di pane fritti nel burro e un filo di crema di latte. Decorare ogni piatto con un mazzetto di asparagi bolliti, tagliati a circa 6 cm di lunghezza e legati con un filo di erba cipollina. Indolore, no?

lunedì 5 giugno 2006

La quiete dopo la tempesta



Archiviamo in fretta questo orrido long weekend di vento, pioggia e temperature polari: domenica è tornato il sole e il giardino era di nuovo un'oasi di colori e profumi. Purtroppo il maltempo ha rovinato tutte le mie rose preferite, quelle piccole a mazzetti: hanno perso i loro petali e non le rivedremo fino all'anno prossimo. Pazienza, in compenso molte delle nuove arrivate sono bellissime e già si sono pavoneggiate nei vasi in casa. Speriamo siano veramente rifiorenti , come promesso dal catalogo, e ci accompagnino per tutta l'estate.
Questa settimana, inerpicati sulle scale, abbiamo fatto questo addobbo veramente masochistico per chi lo deve realizzare, ma di grande effetto per chi lo guarda dal basso.
Ecco nella prima sfocatissima foto gli ultimi ritocchi e poi l'effetto finale.


Abbiamo utilizzato delle rose di Meilland: la rossa Rabelais e la bianca Tchaikowsky, mischiate con matricaria, caprifoglio, edera, rose Iceberg e roselline antiche. Ecco qui sopra la sala completa illuminata dalle candele.