CERCA NEL BLOG

domenica 23 aprile 2017

LA PASTIERA DI BEA







Pasqua in campagna dopo il terremoto ed è subito pastiera! La ricetta è quella dell'insuperabile Ada Boni, l'autrice Bea arrivata da Roma con marito e gemelle al seguito.

Pasta frolla:

300 gr. farina 00
150 gr. zucchero
150 gr. burro
3 tuorli d'uovo
buccia di limone grattata
un pizzico di sale
due pizzichi di cannella
Impastare velocemente (io l'ho messa nel mixer con la lama), farne una palla e metterla in frigo avvolta nella pellicola. Deve riposare, meglio farla il giorno prima o la mattina per la sera.

Ripieno:

250 gr. grano bagnato (in lattina)
1/2 litro latte
scorza limone
pizzico sale
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di cannella
Cuocere in un tegame antiaderente il grano con gli altri ingredienti a fuoco basso girando spesso finchè il latte è stato assorbito, fare freddare.

500 gr. di ricotta di pecora
300 gr. di zucchero
cannella, buccia di limone
200 gr. di scorzette di arancio a dadini
6 tuorli d'uovo
4 chiare

Lavorare la ricotta con lo zucchero, le scorzette, la cannella, la scorza grattugiata di limone e i tuorli.
Montare a neve molto ferma 4 chiare e unirle delicatamente al composto.
Imburrare una forma a cerniera da 25 cm. di diametro, rivestirla con la pasta frolla stesa non troppo spessa, riempirla con il composto e disporvi sopra un reticolato di strisce di pasta come per una normale crostata.
Cuocere a 180° per circa 45 minuti finchè la torta è ben dorata. Far freddare prima di sfornarla. Si surgela benissimo e si mantiene per vari giorni, purchè tenuta in frigorifero.




Nessun commento:

Posta un commento